DOMENICA DI PENTECOSTE

(Ciclo A)

 

 

At 2, 1-11

Gal 5,16,25

Gv 20,19-23

 

 

Lo Spirito è la stessa vita di Dio. Nella Bibbia è sinonimo di vitalità, di dinamismo e di novità. Lo Spirito animò la missione di Gesù e si trova anche alla base della missione della Chiesa. L’evento della Pentecoste ci fa risalire al cuore stesso dell’esperienza cristiana ed ecclesiale: una esperienza di vita nuova con dimensioni universali.

 

La prima lettura (At 2, 1-11), è il racconto di Pentecoste: in esso si narra il compimento della promessa fatta da Gesù alla fine del vangelo di Luca: “E io manderò su di voi quello che il Padre mio ha promesso…restate in città, finché non siate rivestiti di potenza dall’alto” (Lc 24, 49); e all’inizio del libro degli Atti: “…voi sarete battezzati in Spirito Santo, fra non molti giorni…avrete forza dallo Spirito Santo” (At 1,5.8). Con questo racconto, Luca approfondisce un aspetto fondamentale del mistero pasquale: Gesù risorto ha inviato lo Spirito Santo alla comunità nascente, rendendola capace di una missione con un orizzonte universale. L’effusione dello Spirito a Pentecoste, in effetti, segna l’inizio della missione della Chiesa, nello stesso modo in cui il battesimo di Gesù indica l’inizio della vita pubblica del Signore. In ambedue i casi si parla di una “discesa” dello Spirito: “E scese su di lui lo Spirito Santo in apparenza corporea, come di colomba” (Lc 3,22; cf. At 2, 3); lo spirito si dona per la missione: “Lo Spirito del Signore è sopra di me; per questo mi ha consacrato con l’unzione, e mi ha mandato ad annunziare ai poveri un lieto messaggio” (Lc 4, 18; cf. At 2, 14-41), e in tutte e due le occasioni la discesa dello Spirito conclude un periodo di preparazione ed inaugura quello dell’attività pubblica (cf. Lc 4, 14-15).

 

Il racconto di Lc 2 inizia dando alcune indicazioni relative al tempo, al luogo e alle persone implicate nell’evento. Tutto succede “mentre il giorno di Pentecoste stava per finire” (At 2, 1). Pentecoste è una festa conosciuta  come “festa delle settimane” (Es 34, 22; Nm 28, 26; Dt 16, 10,16; ecc.) o “festa della mietitura” (Es 23, 16; Nm 28, 26; ecc.), che si celebrava sette settimane dopo la Pasqua. Sembra che in alcuni ambienti giudei, in epoca tarda, in occasione di questa festa si celebrassero le grandi alleanze di Dio con il suo popolo, particolarmente quella del Sinai, legata al dono della Legge. Anche se Luca non sviluppa questa tematica nel racconto di Pentecoste, conosceva sicuramente questa tradizione ed è probabile che abbia voluto associare il dono dello Spirito, inviato da Cristo risorto, al dono della Legge ricevuto sul Sinai. Nella comunità di Qumràn, contemporanea a Gesù, per esempio, Pentecoste era arrivata ad essere considerata la festa della Nuova Alleanza che assicurava l’effusione dello Spirito di Dio al nuovo popolo purificato (cf. Ger 31, 31-34, Ez 36). Luca aggiunge: “si trovavano tutti insieme nello stesso luogo” (At 2, 1). Con questa indicazione egli vuole suggerire che i presenti stanno uniti non solo in uno stesso luogo ma con il cuore. Anche se non si parla di riunione cultuale, non sarebbe strano che Luca immagini i credenti in preghiera, aspettando la venuta dello Spirito, così come Gesù stava pregando quando lo Spirito scese su di lui in occasione del suo battesimo (Lc 3, 21: “Mentre Gesù pregava… lo Spirito scese su di lui”; At 1, 14: “Tutti questi erano assidui e concordi nella preghiera, insieme con alcune donne e con Maria, la madre di Gesù e con i fratelli di lui”).

“Venne all’improvviso dal cielo un rombo, come di vento che si abbate gagliardo, e riempì tutta la casa dove si trovavano” (At 2, 2). Nonostante i discepoli stessero aspettando il compimento della promessa del Signore risorto, l’evento accade “all’improvviso” e, per tanto in forma imprevedibile e repentina. E’ questa una forma per sottolineare che si tratta di una manifestazione divina, visto che l’attuare di Dio non può essere calcolato né previsto dall’uomo. Il “rombo” arriva “dal cielo”, cioè, dal luogo della trascendenza, da Dio. La sua origine è divina. Ed è come il rumore di una raffica di vento impetuoso. L’evangelista vuole descrivere la discesa dello Spirito santo come potere, come potenza e dinamismo, e, per tanto, il vento era un elemento cosmico adeguato per esprimerlo. In più, tanto in ebraico come in greco, spirito e vento si esprimono con la stessa parola (ebraico: ruah; greco: pneuma). Non è strano per tanto che il vento sia uno dei simboli biblici dello Spirito. Basta pensare al gesto di Gesù nel vangelo di oggi, quando “soffia” sui discepoli e dice loro: “Ricevete lo Spirito Santo” (Gv 20, 22), o alla visone delle ossa inaridite, narrata in Ez 37, dove il vento – Spirito di Dio fa che queste ossa si rivestino di nervi e di carne, ricreando il nuovo popolo di Dio.

“Apparvero loro lingue come di fuoco che si dividevano e si posarono su ciascuno di loro” (At 2, 3). Luca si serve di un altro elemento cosmico che era utilizzato frequentemente per descrivere le manifestazioni divine nell’Antico Testamento: il fuoco, che è simbolo di Dio come forza irresistibile e trascendente. La Bibbia parla di Dio come di un “fuoco divoratore” (Dt 4, 24; Is 30, 27; 33, 14); “fiamme perenni” (Is 33, 14). Tutto ciò che entra in contatto con lui, come succede con il fuoco, si trasforma. Il fuoco è anche espressione del mistero della trascendenza divina. In effetti, l’uomo non può mantenere il fuoco tra le sue mani, li sfugge sempre; e, comunque, il fuoco lo riveste della sua luce e lo conforta con il suo calore. Così è lo Spirito: poderoso, irresistibile, trascendente.

L’evento straordinario espresso simbolicamente nei vv. 2-3, si esplicita nel v. 4: “furono tutti pieni di Spirito Santo…”. Dio stesso riempie con il suo potere tutti i presenti. Non viene comunicato loro un aiuto qualsiasi, ma la pienezza del potere divino che nella Bibbia si identifica con quella stessa realtà che si chiama: lo Spirito. Si tratta di un evento unico che segna l’avvento dei tempi messianici e che permarrà per sempre nel cuore stesso della Chiesa. Da questo momento in poi, lo Spirito sarà una presenza dinamica e visibile nella vita e nella missione della comunità cristiana. “…e cominciarono a parlare in altre lingue come lo Spirito dava loro il potere di esprimersi” (v.4). La forza interiore e trasformatrice dello Spirito, descritta precedentemente con i simboli del vento e del fuoco, diventa ora capacità di comunicazione che inaugura l’eliminazione dell’antica divisione tra gli uomini, a causa della confusione delle lingue di Babele (Gn 11). A Gerusalemme, non nella casa dove stanno i discepoli, non nello spazio chiuso di pochi eletti, ma nello spazio aperto dove c’è gente di tutte le nazioni (v.5), in piazza e nella strada, lo Spirito ricostruisce l’unità dell’umanità intera ed inaugura la missione universale della Chiesa. Il peccato condannato nel racconto della torre di Babele è la preoccupazione egoistica degli uomini che si chiudono e non accettano l’esistenza di altri gruppi e altre società, e desiderano invece restare uniti intorno ad una grande città la cui torre tocchi il cielo. Il giorno di Pentecoste lo Spirito è venuto a perdonare e a rinnovare gli uomini affinché non si ripetano più le tragedie causate dal razzismo, dalla chiusura etnica e dagli integralismi religiosi. Lo Spirito di Pentecoste inaugura una nuova esperienza religiosa nella storia dell’umanità: la missione universale della Chiesa. La Parola di Dio, grazia alla forza dello Spirito, sarà pronunciata lungo la storia in diverse lingue e sarà incarnata in tutte le culture. Il giorno di Pentecoste, la gente venuta da tutte le parti della terra “li sentiva parlare la propria lingua” (At 2, 6.8). Il dono dello Spirito che la Chiesa riceve, all’inizio della sua missione, la rende capace di parlare con una forma intelligibile a tutti i popoli della terra.

 

Nel vangelo (Gv 20, 19-23), Gesù risorto comunica agli apostoli quattro doni fondamentali: la Pace, la gioia, la missione e lo Spirito Santo. I doni pasquali per eccellenza sono la pace (il Shalom biblico) e la gioia (la jaris biblica), che non sono dati per il soddisfacimento egoistico ed esclusivo, ma affinché si traducano in missione universale. Una unica missione: quella che il Figlio ha ricevuto dal Padre ora diventa anche missione della Chiesa per la quale il Signore dona il suo Spirito. Gesù, come Yahwè quando creò l'uomo in Gn 2, 7 o come Ezechiele che invoca il vento di vita sopra le ossa aride in Ez 37, “soffiò su di loro” (v.22). Con il dono dello Spirito, il Signore risorto da inizio ad un mondo nuovo, e con l'invio dei discepoli comincia un nuovo Israele che crede in Cristo e testimonia la verità della risurrezione. Come “uomini nuovi”, pieni della forza dello Spirito, i discepoli dovranno continuare la missione dello “Agnello che toglie i peccati del mondo”: la rinnovazione dell'umanità come nuova opera creatrice in virtù del potere vivificante del Risorto.